Dopo 10 anni la Croce rossa italiana lascia il campo di accoglienza al Marconi

0
27 September, 2018 in Italy News by Baidoanews Webmaster
  • Visits: 100
  • (Rating 0.0/5 Stars) Total Votes: 0
  • 0 0
  • Share via Social Media

    Dopo 10 anni la Croce rossa italiana lascia il campo di accoglienza al Marconi

    La struttura in via di Maratona era stata creata nel 2008 per far fronte all'emergenza freddo per i senzatetto. I posti a disposizione erano 82"

    Share on Twitter Share on facebook Share on Digg Share on Stumbleupon Share on Delicious Share on Google Plus

La struttura in via di Maratona era stata creata nel 2008 per far fronte all'emergenza freddo per i senzatetto. I posti a disposizione erano 82"
Dopo 10 anni la Croce rossa italiana lascia il campo di accoglienza al Marconi: "Convenzione non rinnovata dal Comune" Bari 27 settembre 2018
Dopo 10 anni, il campo di accoglienza in via Maratona gestito dal comitato barese della Croce rossa italiana chiude i battenti. A comunicarlo, sono gli stessi rappresentanti della onlus internazionale:

Pur avendo manifestato nelle sedi opportune la volontà di proseguimento dell'opera svolta, il 30/09 p.v. il Campo di Accoglienza sito in via di Maratona cesserà la sua attività a causa della fine della convenzione con il Comune di Bari che permetteva di sostenere le spese di ordinaria gestione della struttura. Più volte la nuova dirigenza della CRI Bari, al fine di migliorare e rinnovare la struttura, ha richiesto invano alle strutture comunali di variare la convenzione in essere.


La struttura
La struttura era nata nel 2008 per fronteggiare la situazione di emergenza venutasi a creare per le rigide temperature dell'inverno, così da dare rifugio ai tanti senzatetto che circolano per le strade di Bari. Un vero punto di riferimento per gli 'ultimi', come assicurano dalla Cri, con 82 posti letto a disposizione che nei momenti di emergenza superavano anche i 100 grazie all'utilizzo delle tende mobili della onlus. "I costi di gestione erano diventati eccessivi, chiaramente non potevamo coprirli con le uniche nostre risorse finanziarie. Quando a giugno ci è stato detto che la convenzione non sarebbe stata rinnovata, sapevamo che saremmo arrivati a questi" assicurano i volontari.

Non arrivano dal Comune notizie sul riutilizzo dell'area nel rione Marconi, il cui terreno è di proprietà del Comune. "Abbiamo più volte chiesto al Comune di affidarci altri edifici inutilizzati - spiegano da Cri - Proprio per poter continuare ad aiutare gli ultimi, ma non abbiamo avuto risposte positive. Domenica andremo a smontare il campo".

"Esclusi dalla tutela dei più vulnerabili"
Una scelta che lascia l'amaro in bocca tra gli operatori della Cri: "Ci rammarichiamo del fatto - spiega la presidente, Consiglia Margiotta - che un pezzo di storia della città e dell'aiuto in campo umanitario come la CRI venga esclusa dalla tutela dei più vulnerabili senza aver avuto nessuna concreta opportunità di collaborazione, riconoscendo le sue peculiarità attribuite dalla legge (Dlgs 178/2012). In ogni caso il tema verrà portato all’attenzione dell’opinione pubblica e negli uffici competenti dopo l’assemblea dei volontari e il consiglio direttivo".

Se l'area dovesse ora essere utilizzata per altri scopi, l'augurio è che "gli attuali 82 ospiti trovino al più presto una soluzione alternativa, anche in vista della stagione fredda in arrivo" conclude.



Leave a comment

  Tip

  Tip

  Tip

  Tip

  Tip